Crea sito

Quante sono le isole del Garda?

Vi fa di fare il giro delle isole del lago di Garda?
Lo so, lo so, come offerta non è allettante come un giro delle isole alle Maldive ma è tutto ciò che noi poracci possiamo offrirvi.
Di alcune vi abbiamo già parlato, altre le sentirete oggi per la prima volta.

Salite a bordo, si parte!

LE ISOLE DEL LAGO DI GARDA

Partiamo dalle basi: quante sono le isole del lago di Garda? Sono 5, sebbene un paio siano poco più di un isolotto. Non sono grandi, non sono abitate (tranne una e poi scopriremo quale), ma ognuna ha la sua storia che la caratterizza e differenzia dalle altre. Abbiamo l’isola elegante, quella vivace, quella esplosiva, quella delle fiabe e quella brulla. Curiosi di scoprirle una per una?


ISOLA DEL GARDA

E partiamo subito con l’isola più elegante del lago, nonché la più grande. L’isola del Garda si trova sulla sponda bresciana del lago di Garda, quasi di fronte alla cittadina di Salò.
Il luogo era noto sin dai tempi dei romani e Federico Barbarossa la chiamò “isola di Svevia”.
Ma su quest’isola fu San Francesco a costruire il primo insediamento, affascinato dal luogo di pace immerso nella natura. Per questo una volta l’isola era chiamata anche “isola dei frati”.
In seguito Napoleone si impadronì dell’isola scacciando i francescani ma non fece in tempo a convertirla in base militare, arsenale o qualunque fossero i suoi piani bellici. Nell’Ottocento infatti l’isola fu acquisita da una ricca famiglia che iniziò la costruzione di una splendida villa che sostituì il sobrio convento francescano. Tutt’oggi la villa è abitata (mica da poracci!) anche se è visitabile e addirittura può essere utilizzata come location per matrimoni ed eventi.

ISOLA DI SAN BIAGIO

Spostiamoci ora verso l’isola più simpatica e vivace: l’isola di San Biagio. Anche questa si trova sulla sponda bresciana del lago di Garda ma è situata di fronte alla rocca di Manerba.
È conosciuta anche come “isola dei conigli” per la presenza di simpatici coniglietti che saltellano (attenzione però: escono verso sera, non durante il giorno), anche se negli ultimi tempi nessuno è riuscito ad avvistarli. Cos’è successo ai conigli dell’Isola di San Biagio? Non siamo riusciti a scoprirlo, se qualcuno sa qualcosa ci scriva!
L’isola è raggiungibile a piedi con la bassa marea ma se siete pigri potete prendere anche un taxi boat per la modica cifra di 2,50€ (5€ se fate andata e ritorno). Accedere all’isola ha un costo di 5€, ma se soggiornate al camping San Biagio per voi è gratis.
Nel camping trovate una villa seicentesca, i suoi abitanti utilizzavano quest’isola del lago di Garda come riserva di caccia.
Sull’isola di San Biagio potete fermarvi per una giornata di completo relax sul lago, sorseggiando un drink al bar e aguzzando la vista per scovare i conigli!

ISOLA DEL SOGNO

Questa è l’isola delle fiabe, già a partire dal nome. Si chiama così perché è esattamente davanti alla val di Sogno, tra Brenzone e Malcesine. Quest’isola del lago di Garda è piccola e facilmente raggiungibile anche a piedi data la sua vicinanza alla riva.
Potete scoprirla nuotandoci attorno o immergendovi alla scoperta di un relitto affondato nel 1987.

ISOLA DELL’ULIVO

E ora andiamo sull’isola più brulla. Si trova subito dopo l’isola del Sogno, sono vicine ma separate da un piccolo promontorio.
Qui potrete attraccare con la vostra barca (o nuotare dalla riva se siete ben allenati) e mettervi sull’isolotto a prendere il sole. Se siete invece attrezzati con bombole e amate le immersioni, in questa zona si apre una grotta sotterranea che scende fino a 30metri, il luogo ideale per conoscere la fauna tipica lacustre.
Di fronte all’isola dell’Ulivo inizia la passeggiata sul lungolago verso Malcesine. In questo periodo dove si consigliano le passeggiate fuori dalle città e dai centri storici questo è il miglior lungolago che possiamo suggerirvi, essendo uno dei meno affollati che abbiamo incontrato. Parcheggiate in Val di Sogno e seguite il lungolago fino a Malcesine.
Non solo farete una passeggiata in una delle zone più belle del lago di Garda in piena sicurezza (quando siamo andati noi, in una domenica di sole, non c’era quasi nessuno), ma potrete ammirare Malcesine da lontano, bella come una cartolina.

ISOLA DEL TRIMELONE

Concludiamo con l’ultima isola del lago di Garda, quella con una storia esplosiva! Stiamo parlando dell’isola del Trimelone, di fronte ad Assenza di Brenzone.
Qui già durante la Prima Guerra Mondiale correva il confine tra Regno d’Italia e Impero Austro-ungarico e proprio da qui gli italiani bombardarono Riva del Garda, all’epoca avamposto austriaco.
In seguito l’isola divenne zona di stoccaggio di materiale bellico e fu utilizzata come arsenale anche durante la Seconda Guerra Mondiale. Qui Mussolini, di base a Salò, venne a concedere l’ultima intervista prima della fine della guerra e di piazzale Loreto.
Alla fine della guerra venne abbandonata a se stessa e gran parte dell’attrezzatura militare venne gettata in acqua.
Nel 1954 ci fu una violenta esplosione che distrusse una parte dell’isola e accese i riflettori su quest’isola del lago di Garda: era necessaria un’opera di bonifica
L’isola fu bonificata solo nel 2006 ma ancora oggi è inaccessibile: non potete attraccare né visitare l’isola per pericolo di bombe inesplose.
Che ne sarà del suo futuro? Una volta che l’isola sarà completamente sistemata e messa in sicurezza le ipotesi sono 2: un museo sulla Grande Guerra o un’area di tutela faunistica.

Finisce così, con una panoramica sulle 5 isole del lago di Garda il nostro tour del lago a piedi.
Ma restate sintonizzati perché ci saranno altre novità su questo tour e nuovi contenuti.

Quale tra queste isole vi incuriosisce di più?

L’ISOLA PREFERITA DI LEI E DI LUI (PER UNA VOLTA SIAMO D’ACCORDO SU QUALCOSA, MIRACOLO!)

L’isola del Trimelone, per la sua storia particolare, per il fatto di essere inaccessibile e per la sua diversità rispetto alle altre isole.