Crea sito

Lubiana – tra luci e arte

Siamo tornati operativi sul blog! E oggi vi parliamo di Lubiana, capitale della Slovenia e vero gioiellino a “due passi” da casa. Se siete alla ricerca di un weekend diverso dal solito e abitate nel nebbioso nord est come noi, Lubiana è la città perfetta.

DIREZIONE SLOVENIA!

Siamo partiti la mattina del 1° dell’anno, per dare il degno benvenuto a questo 2019. La strada tra Verona e Lubiana è rapida, tranquilla, veloce. Si va verso Venezia, si passa il Friuli e per finire si attraversa il confine nei pressi di Trieste.

Proprio a Trieste abbiamo avuto la prima avventura del viaggio. Per fare rifornimento di carburante avevamo una tessera prepagata da utilizzare. Cerchiamo sul navigatore il distributore convenzionato più vicino e ci troviamo a scendere una discesa con una pendenza spaventosa! E visto che siamo sempre fortunati, la strada, oltre che in pendenza, era anche stretta e a doppio senso. Una vera tortura! Facciamo diesel e poi…ci tocca rifare la stessa strada ma questa volta in salita. Doppia tortura!

Ma finalmente attraversiamo il confine e dopo poco più di un’ora arriviamo a destinazione.

Il nostro host per la notte sarà Gregor. Anche stavolta viaggiamo con Airbnb e l’appartamento è a dir poco perfetto. Divano a isola, dondolo sul balcone, cucina attrezzata, bagno piccolo ma con tutto il necessario e camera spaziosa. Il parcheggio è esattamente sotto casa e l’appartamento è a 10 minuti a piedi dal centro. Gregor ci mostra la casa e poi ci manda una lista di ristoranti consigliati.

A SPASSO PER LUBIANA

Quando siamo partiti per il nostro tour di ispezione era già buio ma la città ancora addobbata per Natale era più viva che mai. Il centro storico si snoda attorno al fiume e sulle rive la città pullula di bar, ristoranti, locali e mercatini di Natale.

Ovunque era pubblicizzato il gin caldo come bevanda. Pensando che fosse qualcosa di tipico abbiamo deciso di provarlo. Alla fine era solo tè caldo allungato col gin. Una vera bomba per lo stomaco, ma se volete il nostro consiglio bevete un classico brulè che andate sul sicuro.

Mescolandoci alla folla di turisti siamo arrivati al Triplice Ponte, alla chiesa di San Francesco e al Municipio. Il municipio è il simbolo della città. Avete presente il palazzo con la torretta al centro? Eccolo:

Sulle pareti del cortile interno è rappresentata la mappa della città in epoche passate. Al centro troneggiava però un albero di Natale davvero particolare. Al posto delle classiche palline aveva appese delle caramelle. Mentre in una stanza adiacente scendevano dal soffitto delle “gemme” fatte di gesso e sostenute da reti di ferro. Davvero un’installazione particolare.

COSA MANGIARE A LUBIANA

Potevamo non parlarvi di cibo?

Il poraccio Daniele ha mangiato una tipica salsiccia con patate. Per non scrivere 10 righe di traduzione era semplicemente indicata come “salsiccia”, mentre in realtà era più simile al sanguinaccio. Non male, ma l’aspettativa era una salsiccia, non un sanguinaccio.

La poraccia Emily invece si è mangiata dello spezzatino con polenta (d’altronde parte della Slovenia apparteneva alla romana Pannonia).
Per concludere abbiamo assaggiato gli struklji. Si tratta di una pasta arrotolata e ripiena di ricotta che può accompagnare sia piatti salati che essere considerata un dessert. Ovviamente i ripieni possono essere diversi: mele, noci, formaggi…

QUALCHE PICCOLA INFORMAZIONE PER UN VIAGGIO IN SLOVENIA

Ricordate di comprare la vignetta per poter viaggiare sulle autostrade slovene. Il prezzo per un’automobile per una settimana è di circa 15€, si compra in qualsiasi autogrill prima del confine.

Molti parlano italiano, ma imparare un “dobro jutro” e un “ali govorite anglesko?” prima di parlare in inglese è sempre apprezzato.

I prezzi sono mediamente più bassi rispetto all’Italia, soprattutto per quel che riguarda il cibo e le bevande. Tuttavia la differenza a noi è parsa minima, nessun “paradiso dei poracci” :p

 

Per vedere più foto vi rimandiamo alla nostra pagina Facebook

E per sapere la tappa successiva a Lubiana non vi resta che continuare a seguirci!