Melbourne – tra giardini e grattacieli

Siete pronti per seguire i nuovamente i #poracciintournellaterradeicanguri? In questa domenica uggiosa vi portiamo a Melbourne!

melbourne

Un po’ di informazioni

Uno dei primi pensieri che può venire in mente visitando Melbourne è:
“Se ripasso tra 10 anni qui è tutto diverso
La città infatti è un pullulare di cantieri, grattacieli in costruzione, esposizioni artistiche in ogni angolo. Detto così ci può immaginare un luogo caotico, invece Melbourne è una delle città più ordinate, organizzate e silenziose che abbiamo visitato. La capitale del Victoria è la città ideale: modernità e produttività si intersecano perfettamente con arte, giardini e sport.

melbourne

Melbourne è stata fondata attorno al 1830 da un certo John Batman (ecco perchè esiste Batman Avenue, non certo per il supereroe dei fumetti!) e fu chiamata così in onore del governatore inglese dell’epoca. Il suo sviluppo è scoppiato con la corsa all’oro di metà ‘800, epoca in cui sono stati costruiti la St.Paul’s Cathedral, Flinders Street Station e la Parliament House in perfetto stile vittoriano.

Luoghi convenzionali

Ok, per noi italiani il concetto australiano di “storico” è difficile da capire. Per loro gli edifici dell’Ottocento sono “Wow, pensate che ha addirittura 200 anni” (cit. guida turistica di Sydney). Eppure anche Melbourne, pur essendo una città molto moderna per i nostri standard, ha i suoi punti di riferimento storici.

st.paul's cathedral
Poco più su ne abbiamo nominati alcuni, la St.Paul’s Cathedral e Flinders Street Station (la prima stazione del continente) in stile vittoriano. La cattedrale fu progettata a distanza da un architetto inglese che non si recò mai sul luogo dell’edificio.
Nella Parliament House di Melbourne si riuniva il parlamento australiano prima della fondazione di Canberra. Lo sapete tutti che la capitale dell’Australia è Canberra e non Sydney, vero?!
Un altro luogo classico è la Victoria State Library. Quando fu inaugurata nel 1913 la sua cupola era la più grande al mondo.

victoria state library

Luoghi non convenzionali

Il primo luogo particolare di Melbourne è sicuramente Hosier Lane. Si tratta di una galleria d’arte a cielo aperto: lungo questa strada i muri sono ricoperti di murales che sono vere e proprie opere d’arte.

fitzroy
Sicuramente molto particolare è anche il quartiere di Fitzroy. Una volta considerato il luogo malfamato della città è ora un quartiere bohemien, ricco di ristoranti alternativi, boutique vintage e gallerie d’arte.
Vi ricordate da dove provengono la maggior parte di immigrati australiani? Dalla Cina!
Quindi dove andare per assaporare un po’ di atmosfera asiatica se non a Chinatown? Si entra passando sotto imponenti portali e si cammina sotto a un tetto di lanterne cercando un posto dove mangiare dumplings o takoyaki!

chinatown melbourne

Tra natura e grattacieli

Come anticipato Melbourne è ricca di parchi e giardini.
Si può iniziare da Birrarung Marr, una serie di giardini e viali da cui godere del panorama sui grattacieli e sullo Yarra River. Birrarung era il nome aborigeno del fiume Yarra, chiamato poi così perchè gli inglesi pensavano che Yarra significasse “fiume” in lingua aborigena.
Non meno panoramica è la Southbank Promenade dove si affacciano numerosi ristoranti e centri commerciali di lusso. Per una bella passeggiata sul lungo fiume vi consigliamo di partire dalla Orrs Walk, dove è ancorata la Polly Woodside, una nave mercantile di fine Ottocento.

Da non perdere sono anche i Royal Botanic Gardens. Qui si può camminare su prati verdi e lungo laghetti alla scoperta di piante e fiori insoliti, divisi per origine e area geografica. Un vero paradiso per rilassarsi dopo una giornata tra i grattacieli.

royal botanical gardens

Shrine of Remembrance

Un capitolo a parte vogliamo dedicarlo allo Shrine of Remembrance, il tempio della commemorazione. Una costante del nostro viaggio in Australia è la presenza di numerosissimi monumenti che ricordano i soldati caduti durante la Prima Guerra Mondiale. Forse perchè è stata la prima vera grande tragedia, la prima guerra che è stata combattuta, la prima volta che questo continente ha conosciuto la guerra seppure combattuta in un altro continente. I caduti erano stati seppelliti in Europa ma lo Stato del Victoria voleva comunque erigere un luogo dove poterli commemorare in patria. Così nel 1928 inaugurò questo monumento ispirato al mausoleo di Alicarnasso, una delle meraviglie del mondo antico.
Ora questo tempio è dedicato ai soldati morti durante tutte le guerre, i famosi ANZAC (Australia and New Zealand Army Corps).

shrine of rimembrance

Se ci seguite ancora un po’ vi faremo scoprire un altro grande, grandissimo, monumento dedicato ai caduti della Prima Guerra Mondiale. Un monumento lungo 243km…

Cosa mangiare a Melbourne

Quando abbiamo chiesto a Margherita se ci consigliava un cibo tipico di Melbourne ha suggerito i ravioli cinesi. Pensavamo che fosse uno scherzo ma invece vanno per la maggiore! Abbiamo scelto un locale affollato da cinesi doc e ci siamo lanciati provando gusti e sapori nuovi, proprio niente male!
Melbourne è veramente un posto dove si possono assaggiare tutte le cucine del mondo!
Un altro posto dove mangiare cibo fresco e di qualità è sicuramente il Queen Victoria Market, il più grande mercato all’aperto dell’emisfero australe. Qui abbiamo provato coccodrillo fritto e salsiccia di canguro.
Melbourne è stato il primo posto dove abbiamo assaggiato il canguro alla serata roo&wine. Che dire, quando due delizie australiane si mescolano il palato non può far altro che ringraziare!
queen victoria market

IL CONSIGLIO DI LEI

Sedetevi in uno dei numerosi bar lungo il fiume Yarra e godetevi il panorama osservando quante culture sono presenti in questa città. Qui convive gente di ogni origine e di ogni colore, gli unici grandi assenti, o comunque visibili in numero davvero esiguo, sono gli aborigeni.

IL CONSIGLIO DI LUI

Mentre seguite “il consiglio di lei” ordinate anche una birra, la misura “schooner” è l’ideale: poco più di una piccola e poco meno di una media. Il giusto compromesso per le 4 del pomeriggio, quando molti locali applicano prezzi ridotti per l’happy hour.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.