Crea sito

Krk

Eccoci eccoci! I #poracciintour non si sono dimenticati di raccontarvi la loro vacanza in Croazia, sono solo stati presi da infinite altre cose. Quindi cogliamo l’occasione della storica finale dei mondiali di calcio per raccontarvi della meravigliosa isola di Krk, dei piccoli paesi che abbiamo visitato e della natura brulla dei monti che si tuffano nel mare cristallino. Tutte le foto della vacanza le trovate anche qui !

Come arrivare in Croazia

Step n.1: pazienza. Alla frontiera controllano i documenti in maniera molto sommaria ma abbastanza da creare infinite code. Soprattutto se, come noi, viaggiate in agosto
Step n.2 (step poraccio): cercate il percorso per evitare il brevissimo tratto di autostrada slovena. Ciò vi permetterà di risparmiare i 7€ di vignetta che altrimenti dovete pagare. E vi farà attraversare un magnifico paesaggio montano non allungando di troppo la strada.
Step n.3: siate preparati. Se decidete di essere “real poraci” e prendere la strada normale, senza pagare la vignetta, scaricatevi un valido navigatore offline per evitare che nell’attraversamento della catena montuosa non vi svanisca il segnale internet.
Step n.4: i big money. Avete 2 alternative: o vi premunite delle kune croate prima della partenza o potete cambiarle in loco. Non fate l’errore che stava per fare il  poraccio Daniele di voler cambiare il denaro sul confine di Stato. Sia che cambiate in banca o direttamente in loco ci saranno (ovviamente) delle commissioni. Potete pagare pure in Euro nella maggior parte dei posti ma paghereste molto di piu rispetto alle kune. Qui c’é il link con il valore del cambio sempre aggiornato.

Isola di Krk (Otok Krk)

L’isola di Krk si trova nel golfo tra l’Istria e la Croazia vera e propria, dopo Fiume-Rijeka sempre dritto, fino al ponte per Krk.
Krk per noi è stata principalmente 3 cose: spiaggia, natura e mangiate di pesce.
Con la nostra tenda ci siamo stabiliti in un campeggio a nord dell’isola di fronte alle isole Cres, nel piccolo paesino di Nijvice.
In una settimana non abbiamo fatto praticamente niente se non goderci la spiaggia del campeggio e visitare qualche paese restando all’interno dell’isola. I paesini in realtà sono davvero molto piccoli, spesso arroccati direttamente a picco sul mare.
E soprattutto abbiamo assistito a dei tramonti bellissimi, di cui trovate un album sulla nostra pagina facebook (qui: album tramonti )

Krk City

Il capoluogo dell’isola non può che essere Krk, in italiano Veglia. E’ una piccola città con un castello (della famiglia Frankopan) e una cattedrale, viuzze strette ricche di negozi e ristoranti, un porto abbastanza grande e spiagge che partono dalla città per allontanarsene.
Un aneddoto: pare che Krk sia stata nominata nell’Iliade, come Koureto.
A Krk abbiamo trovato un posto meraviglioso per bere una “pivo”:

Baška

All’estremo sud dell’isola si trova Baška, in italiano Bescanuova. Il paese è molto pittoresco ma ancora più bello è arrivarci. Attraversando i monti dell’entroterra a un certo punto si apre la baia e spunta questo paesello e soprattutto il mare. Il paese si trova all’interno di un golfo, come Krk è fatto di viuzze strette, negozi, spaggie e una bella passeggiata sul lungomare.


Baška è anche conosciuta per la Tavola di Baška. Si tratta di un documento risalente al 1100 scritto con l’alfabeto glagolitico, una delle prime dimostrazioni di lingua croata scritta e pare che riconosca la nascita di uno stato croato.

Vrbnik

Per un pomeriggio tranquillo abbiamo optato per una visita a Vrbnik (in italiano Verbenico, basta solo aggiungere qualche vocale). Arroccata a picco sul mare è forse il pease più pittoresco in cui siamo stati. Abbiamo anche attraversato la via più stretta al mondo (e di vie molto strette ce n’erano una marea). Per fortuna, nonostante le mangiate di pesce,ci siamo passati 🙂

Mangiare e bere sull’isola di Krk

Ovviamente in Croazia si mangia un pesce a dir poco divino. Fresco, cucinato in modi diversi, gustoso e soprattutto economico.
Ma non ci siamo limitati al pesce, anche la carne è ottima! Sulle montagne dell’isola comunque ci sono numerosi pascoli, di conseguenza carne e pesce si fanno concorrenza.
Infine anche i prodotti da forno non sono male. Uno su tutti? Il burek. Cos’è? Una pasta sfoglia ripiena di…quello che volete!
Infine la birra, nostra fedele compagna di viaggio. Dopo una giornata in spiaggia cosa c’è di più bello che sorseggiare una birra al tramonto? E allora cin cin e in bocca al lupo alla Croazia!

LUI CHE PASSA DALLA VIA PIU’ STRETTA AL MONDO
 
LEI CHE PASSA DALLA VIA PIU’ STRETTA AL MONDO